domenica 22 agosto 2010

Che compro quando vado al mercato?

L'altro giorno ho visto il post di Chamki su quello che si trova al mercato in India e cosi' oggi al mercato ho fatto un po' di foto per mostrarvi quello che si trova qui in Indonesia...
Inanzitutto dovere sapere che dopo anni di prove e tentativi di acquisti a tutti i banchi di tutti e due i mercati del 'paese grande' che e' a 40 minuti di macchina da casa nostra, abbiamo selezionato i venditori 'migliori' per categorie.
Quindi abbiamo un banco per la carne di vitello, due (uno per mercato) per il pollo, uno per le verdure e uno per la frutta. Praticamente compriamo sempre negli stessi posti, ormai ci conoscono, sanno cosa vogliamo, sono al corrente delle nostre 'stranezze' e i prezzi sono quasi fissi. Poi c'e' un mercato a parte per il pesce, che vi avevo gia' mostrato qui.
Oggi ho fotografato solo i banchi della verdura e della frutta, anche perche' quelli della carne sono un po' troppo caratteristici e poco fotogenici se li si guarda come fonte di approvigionamento cibo intendo, perche' come foto da turista invece sono piu' che fotogenici!

Il posto dove compriamo la verdura ha addirittura l'insegna all'interno del mercato:

Yanto e' il nome del proprietario e sayur significa verdura.

In realta' non sono proprio 'banchi' del mercato perche' sono delle sorte di mini negozietti con le serrande che si alzano e che stipano il piu' possibile di generi alimentari all'interno, poi la mattina quando aprono, riversano parte del contenuto del negozio nel corridoio che diventa piccolissimo con gente che passa, che compra, che aspetta e soprattutto con frotte di signore bassotte e cicciottelle che passano spintonando tutto e tutti.

Eccolo qui, questo e' tutto lo spazio che ha, due serrande su un corridoio e una che da' sull'altro corridoio perpendicolare:In fondo alle seconda serranda c'e' lui, Yanto, che fa tutti i conti e prende tutti i soldi, mentre 5 o 6 ragazzini pesano le vedure e servono i clienti. fate conto che e' tutto piccolino: lui e' piccolino, la seggiolina su cui e' seduto sara' alta 25cm, il tavolo sara' non piu' di 50cm di altezza, insomma e' tutto in miniatura, e questo e' il suo segreto per riuscire a far stare di tutto, ma proprio di tutto in quel buco di negozio!

Tanto per rendere meglio l'idea questo e' l'interno del negozio:

e pensate che ha addirittura due piani!
Non scherzo, giuro, gli scaffali hanno dei supporti in legno che fungono da scale e ogni tanto Yanto si arrampica e sparisce 'al secondo piano' a prendere qualcosa di impensato!

Tutto lo spazio e' sfruttato al massimo, anche a fianco delle serrante, in alto, dove c'e' appesa un mucchio di roba, tutta con un suo ordine e divisa per settori:

Sulla destra ci sono condimenti e brodo in polvere, mentre sulla sinistra shampoo e bagno schiuma.

Tantissime delle cose che vendono qui sono confeezionate cosi' in strisce di bustine staccabili, e' una sorta di pre suddivisione per facilitare la distribuzione. Praticamente Yanto, come altri di negozi 'grossi' (hihihi) comprano l'espositore, come quello della foto qui sopra delle bustine rosse con scritto Dijual Royco sapi (Royco e' il nome indonesiano della Knor anche se non ha per niente lo stesso gusto), poi le signore dei negozietti vengono qui a comprare le 'strisce' (parlo di bustine di dado non pensate male!) che metteranno esposte nei loro negozietti dove le compratrici aquisteranno le singole bustine ogni giorno.

Sempre appese ci sono anche le nuovolone di drago ai gamberetti che vedete qui sotto:

Appoggiati e appesi sugli scaffali all'interno ci sono invece tantissimi prodotti per la pulizia di ogni genere, olio di palma, sciroppi di frutta, salsine in bottiglia e quant'altro ci possa stare:

Sul banco vero e proprio che viene posizionato per meta' nel corridoio comune del mercato ci sono tutte le verdure divise in cassette di plastica e in cesti di foglie di palma:

Considerate che questo e' il banco piu' fornito nel raggio di due ore di macchina da casa nostra, quindi quello che vedere e' praticamente tutto quello che si puo' trovare!

Ma la cosa migliore del negozio di Yanto e che dall'inizio di quest'anno ha iniziato a sfruttare degnamente il frigo che aveva da tempo facendosi arrivare peperoni e zucchine e ampliando cosi' decisamente la possibilita' di ricette di cui abbiamo gli ingredienti!

Ogni domenica, quando veniamo al mercato e giriamo l'angolo del corridoio di Yanto attraversiamo il negozietto con il fiato sospeso fino ad arrivare a questo orribile ma importantissimo frigorifero: Si lo so e' tremendo, e per di piu' oggi c'erano solo peperoni mezzi ghiacciati e cavolfiori decisamente troppo maturi, pero' considerate che e' l'unica fonte che abbiamo di verdure diverse da pomodori, patate, melanzane, broccoli, cavolfiori e qualche cespo di insalata ricciolina!

Al piano superiore del mercato c'e' la zona riservata a cane e pesce e oggi abbiamo fatto solo un salto veloce a prendere due gamberi, poi siamo andati in un altro mercato, dove vendono la frutta.

Si lo so, e' una bella rottura, due mercati per verdura e carne, un mercato a parte per il pesce, un altro ancora per la frutta... non ditelo a noi!

Dopo enorme girovagare per mercati diversi, questo e' stato il bottino portato a casa! hihihi i gamberoni non potevano mancare altrimenti non e' un post copiato come si deve!

13 commenti:

  1. Ciao Erica, però, ti lamenti del poco che trovi ma direi che avete fatto un buon bottino.
    Broccoli, gamberoni grigi che mi fanno impazzire, fragole, porri, frutta varia (ma sono proprio mele?)complimenti e buon appetito.
    Dale

    RispondiElimina
  2. Brava bravissima che belle foto e non mi pare per niente male, il broccolo col gambone duro ma i fiori mi sembrano piccoli il che e' bene, ma che e' quella verdura in alto? sembra insalata ma il gambo e' lungo e duro, il che mi fa pensare che e' troppo cresciuta, come qui, non sanno come coltivarla.
    Il negozietto assomiglia tantissimo a quelli indiani, ma qui hanno il bancone a filo della serranda e si compra praticamente stando sul marciapiede, occupano cosi tutto lo spazio interno possibile per tenere la roba, che assomiglia molto a quella che si trova qui, tipo le strisce . . . pero' questo tipo di negozio qui si trova solo in periferia e devo dire che in India si presentano meglio, anche i frigo qui sono meglio, e poi il supermercato dove vado io e' quasi occidentale!
    il mercato della carne anche io non credo che ci faro' le foto, ma i mercati generali qui stanno in una struttura enorme credo ancora dei tempi degli inglesi infatti e' strutturata bene ma la sporcizia certo che regna sovrana, bisogna guardare dove si mettono i piedi . . .
    papaya e melone sono come qui, e quelle palline marroncine? sembrano chikku. . .. e le uova non sono nei classici contenitori?

    Grazie per questo post! apprezzo l'India un po' meglio eh eh, ma certo che dipende anche da dove si sta, qui ci sono tanti occidentali e il mercato si sta adeguando, tu sei in campagna! ma si che e' bello vivere al di fuori della cosiddetta normalita'. Baci

    RispondiElimina
  3. Bel post e belle foto, ho letto e guardato con molto interesse.
    Non pensavo che fare la spesa fosse così laborioso e limitato.

    RispondiElimina
  4. @Dale
    Ci arrangiamo meglio che possiamo!
    Devi pero' considerare la monotonia... e, si, sono proprio mele quelle!
    Mi ricordano da matti gli yogurt francesi, quelli con su scritto parfum fraise... che mi ha sempre fatto pensanre che dentro ci mettessero solo una spruzzata di profumo alla fragola anziche' le fragole vere! Ecco, queste mele sono cosi' davvero. Nel senso che delle mele hanno solo ad unicamente il profumo!!

    @Chamki
    si oggi stranamente erano proprio belli e con i fiorni non troppo maturi! un caso piu' unico che raro, anche se i 2/3 del peso continua a farlo il gambo...
    Tu mi sa che stai in una citta' vero? noi siamo proprio in campagna... e campagna javanese per di piu'! a Bali o a Jakarta e' un altro mondo!!
    Le palline marroncine sono klengken,vengono a grappoli, non come i chikku, piu' tipo usa... hanno la buccia duretta che va aperta e poi dentro sono tipo acini con un grosso seme, sono abbastanza dolci e buoni quando si riescono a trovare non mollicci (altrimenti c'e' da impazzire ad aprirli!). A quanto dice wikipedia in Italia si chiama longan ma mi pare di non averlo mai visto.
    Le uova... mi son scordata, volevo scriverlo nel post! no le uova qui le vendono al kilo! non hanno idea dell'unita' di misura 'dozzina' proprio non la capiscono, e i contenitori tipo italiani li hanno solo nei grossi supermercati nelle citta' grandi dove pero' sono da 16 o 32 uova che equivalgono piu' o meno a 1 o 2 kili.
    Qui siamo proprio fuori da ogni normalita'! non solo dalla normale normalita'!!

    @NonnaPapera
    La fortuna e' che siamo proprio sul mare ci si mette 10 minuti dall'ufficio ad andare al punto dove rientrano i pescatori con il pesce appena pescato! Il resto e' pero' davvero laborioso e limitato...

    RispondiElimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  6. Bellissimo post ^^
    Chamki è sempre una grande, ma anche questo post è interessantissimo!!!
    Divento subito sostenitrice!
    Un bacio

    RispondiElimina
  7. si si sto in citta', pero' conosco anche i villaggi, per tre anni ho abitato in periferia, ma sempre a distanze accettabili da un supermercato che tiene parecchie cose importate, anzi ti diro' che proprio oggi sono andata al super che hanno appena super ingrandito su tre piani, risistemando gli scaffali con corridoi larghissimi, tutto pulito splendente non credevo ai miei occhi! sembrava di essere in italia, tutto bene in vista e anche ordinato secondo una logica occidentale, beh la manager e' tedesca!!! eh eh e poverina con gli spazi di prima, visto con gli occhi di oggi, devo dire che faceva miracoli, sai quanto puo' essere difficile dare ordini agli indiani, ti dicono sempre si e poi fanno quello che vogliono.
    un bacione

    RispondiElimina
  8. @Shamira Gatta
    Grazie dei complimenti e benvenuta!

    @Chamki
    oggi vuoi proprio farti invidiare, eh??
    guarda che la settimana prossima siamo in italia e ti faccio spam con le foto dei pomodori cuori di bue!!!
    Naturalmente scherzo! - tranne per l'invidia hihihi

    RispondiElimina
  9. no, non voglio farmi invidiare! voglio tornare in Italia e mangiare quei pomodori, sapessi quanti ne ho mangiati a luglio, che bello che tu ci vai settimana prossima! enjoy!!!! ma mica hai bisogno che te lo dica io hi hi hi

    RispondiElimina
  10. Ciao! Ti ho scoperto grazie a chamki, è carino il blog ed anche il pos della spesa. Anni fa avevo visitato Bali, ancora non mi ero affacciata sul mondo alimentare (mangiavo senza pensare ed incuriosirmi sui cibi, ero una ragazzina), le tue foto mi sono davvero piaciute, è bello "curiosare" nel mondo della spesa. Ricordo bene la frutta, la più varia e deliziosa.
    A presto

    RispondiElimina
  11. @Chamki
    si, lo so! figurati!!

    @Zucchero e Farina
    Grazie e benvenuta!
    Hai proprio ragione, le cose viste da turista spensierato o da attento osservatore / vivendoci sono molto diverse!
    La frutta anche qui e' buonissima come a Bali, il problema e' che dopo il primo mese di bananine buonissime, papaye e manghi dolcissimi, rambutan e dragonfuit iniziano a mancarti le mele, le pere, le pesche, le susine, le prugne, l'uva, le ciliegie, i frutti di bosco, i fichi, le albicocche, insomma... tutta la frutta!!!

    RispondiElimina
  12. ti ho scoperto oggi tamite il blog di Chamki, anche il tuo è bellissimo e molto interessante, complimenti, tornerò presto, buona giornata!

    RispondiElimina
  13. Grazie!
    torna pure quando vuoi!

    RispondiElimina

Blog Widget by LinkWithin